Il titolo di questa ricetta l’ho scelto perché il timballo (o lasagna) a casa mia si fa così. Non con la pasta o i maccheroni ma con la sfoglia di pasta fresca. A casa mia, si fa così.

Ed è differente dal tipico timballo abruzzese fatto con le crespelle; oppure con ragù e uovo sodo.

No. Il timballo a casa mia è sempre stato fatto con la sfoglia di pasta all’uovo fresca, ragù di carne (ma solo carne di vitello o in aggiunta pollo), mozzarella e parmigiano.
La bontà sta nel sugo, cotto a dovere per almeno un’ora e mezza – due a seconda della quantità, e nella sfoglia che deve essere porosa, consistente ma non troppo spessa.
Fare la sfoglia di pasta non è molto difficile perché è la stessa utilizzata per la pasta all’uovo ma viene stesa con l’apposita macchina per la pasta che tira delle sfoglie tutte delle stesse dimensioni.
Io consiglio di aggiungere uno/due tuorli in più per l’impasto affinché risulti più consistente come dicevo prima, e quindi per farle assorbire più ragù.

Per quanto riguarda quest’ultimo, per farlo buono non possono mancare gli odori come la cipolla, il sedano e la carota a cui però aggiungo il tocco magico: un fiore di macis James 1599.
Per chi non lo conoscesse ancora, il macis è la parte esterna che riveste la noce moscata. È Particolarmente adatto per le cotture lente perché rilascia gradualmente il suo sapore delicato, dolcemente speziato. Avrete un ragù profumato e saporito come non mai!

Nel ragù di casa mia, il maiale non è contemplato. Tanti diranno :”non sai cosa ti perdi! È più buono!”
È semplicemente una scelta di gusto che abbiamo sempre condiviso tutti in famiglia quindi, scegliete le carni che più preferite 🙂

Ecco la ricetta di casa mia del timballo.

Ingredienti
(per 4 persone)

  • 6 sfoglie di pasta fresca (se fatta in casa, circa 400 gr di farina)
  • ragù di carne fatto con:
    200 gr macinato di vitello
    100 gr macinato di pollo
  • 1 scalogno
  • mezza costa di sedano
  • mezza carota
  • 1 lt passata di pomodoro
  • 1 macis fiore della noce moscata James 1599
  • sale q.b.
  • olio q.b.
  • 1 cucchiaino di basilico secco
  • 1 mozzarella fresca
  • 150 gr di parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento
La prima operazione da fare è preparare il ragù. Puoi farlo anche la sera prima e conservarlo in frigorifero oppure prepararlo almeno due ore prima.
Prendi lo scalogno, il sedano e la carota, fai un soffritto in una casseruola insieme all’olio di oliva. Dopo qualche minuti aggiungi la carne macinata (sia di vitello che di pollo) e falla stufare fin quando non si sarà ritirata tutta la sua acqua di cottura.

Aggiungi il macis intero, la passata di pomodoro, mezzo bicchiere di acqua, il sale q.b. e fai cuocere a fuoco lento per un’ora e mezza. Se nel frattempo asciuga troppo, aggiungi un po’ di acqua e continua la cottura.
Quando sarà cotto spegni, aggiungi il basilico e lascia da parte.

Prendi un’altra capiente pentola e metti dell’acqua. Quando raggiunge il bollore, lessa le sfoglie di pasta due alla volta.
Fai cuocere per pochi minuti facendo attenzione a non farla scuocere; tirala fuori, immergila immediatamente in una bacinella di acqua fredda per interromperne la cottura e metti ad asciugare su una tovaglia stesa su un tavolo. Mettile una accanto all’altra per non farle incollare.
Procedi in questo modo con tutte le sfoglie.

Prepara la mozzarella tagliandola a piccoli dadini e mettendola in un colino per far perdere la sua acqua.

Prendi una teglia per 4 persone, metti un po’ di ragù sul fondo, metti una sfoglia, ricopri con il ragù, mozzarella, una spolverata di parmigiano e procedi in questo modo fino all’esaurimento di tutti gli ingredienti.
Completa l’ultimo strato con il ragù ed il parmigiano e metti in forno a 200°C (statico) per 15 minuti o fino a doratura della sfoglia.
Se vuoi un risultato più croccante, metti il forno in modalità ventilato e fai fare una crosticina in superficie.

E voi avete la vostra ricetta personale? Se si, fatemi sapere qual è altrimenti, potete fare di questa ricetta la vostra!