pizza-cresciuta-di-pasqua-con-anice-stellato-intero-per-articolo

Le feste fanno riscoprire le tradizioni, sopratutto quelle culinarie.
Ogni regione, città, provincia e paese ha il suo piatto tipico e questa volta, con la nostra cara Francesca Tiranti (ecco la sua prima intervista in cui l’abbiamo conosciuta meglio), parleremo di una ricetta tipica romana del periodo di Pasqua: la Pizza cresciuta ma con un ingrediente speciale, l’Anice Stellato intero James 1599.

Questa pizza, così chiamata perché è un impasto lievitato ma dolce, non manca mai sulla tavola pasquale delle famiglie romane. O meglio, non in quella di Francesca!
Pur essendo dolce, si accompagna anche con alimenti salati come ad esempio il salame, per la tipica colazione di Pasqua.

L’ingrediente speciale, come anticipato, è l’Anice Stellato Intero James 1599 e quale occasione migliore per poter vedere uno dei tanti usi di questa spezia?

Con l’augurio che possiate passare delle dolcissime feste, ecco la ricetta di Francesca.

Pizza cresciuta pasquale romana con anice stellato intero
(per due stampi)

400 gr farina Manitoba
600 gr farina 00
300 gr zucchero semolato
200 gr olio di semi
28 gr lievito di birra liofilizzato
200r g acqua tiepida
8 uova
1 cucchiaio di cannella
2 cucchiai e mezzo di semi di Anice Stellato intero
Zeste di due limoni
Zeste di due arance
400 gr cioccolato fondente

Procedimento

Mischiare il lievito liofilizzato con 200 g di farina Manitoba e l’acqua. Formare una pastella abbastanza morbida e lasciare lievitare coperta con pellicola per quattro ore.
Spostare l’impasto in planetaria  e selezionando la velocità 4, alternare un uovo, un po’ di zucchero e un po’ di farina (tipo 00 e Manitoba mischiata) facendo assorbire un ingrediente alla volta prima di aggiungere l’ingrediente successivo. Procedere in questo modo finché le uova, la farina e lo zucchero non sono stati completamente amalgamati.
Aggiungere tutte le spezie continuando a mescolare. Aggiungere l’olio di semi a filo poco alla volta sempre aspettando che il precedente venga assorbito e lasciare incordare alla velocità massima.
Il procedimento in planetaria richiederà un tempo totale di circa 40 minuti.

Spostare l’impasto in due stampi da un kg l’uno riempiendolo per metà. Aspettare che l’impasto arrivi al bordo dello stampo (circa 4/6 ore in base al clima direttamente nel forno spento.
Cuocere a 180°C per circa 40 minuti. Fare la prova stecchino dopo mezz’ora quando la superficie risulterà bella dorata.

Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e versare sulle due pizze per farcire.